La conoscenza all’ambiente, lo sviluppo sostenibile al territorio

Il biomonitoraggio consiste nell'uso di componenti sensibili degli ecosistemi (ad es., licheni, muschi, piante superiori) come indicatori della qualità ambientale e degli effetti dell'inquinamento. Le tecniche di biomonitoraggio si concretizzano nella produzione di dati biologici (ad esempio misure di biodiversità, risposte fisiologiche o misure di concentrazioni degli elementi negli organismi), con cui si evidenziano deviazioni da condizioni definite “normali” di componenti degli ecosistemi reattivi all’inquinamento. Ci occupiamo prevalentemente dell'uso di licheni (ma anche di muschi e piante superiori) come bioindicatori (es., attraverso il calcolo di indici di biodiversità) e come bioaccumulatori (livelli di inquinanti accumulati nei campioni) utilizzando protocolli standardizzati (es., IBL - ANPA, 2001; LDV - Lichen Diversity Value — Asta et al., 2002) e normati (CEN: EN 16413). Trasferiamo i più recenti sviluppi della ricerca scientifica per un monitoraggio ambientale di qualità.   

 Biomonitoraggio 2

Principali applicazioni

Il biomonitoraggio trova applicazione nel campo della valutazione dell'impatto ambientale di opere di pubblico interesse che possono avere emissioni in atmosfera, nonché nelle certificazioni di qualità ambientale (es., EMAS).
Alcuni esempi.
•    Studio dei pattern di deposizione degli inquinanti in campioni nativi e/o trapianti (licheni, muschi), nello spazio e nel tempo, rispetto a potenziali fonti di inquinamento, aree urbane, siti industriali.
•    Studio degli effetti biologici dell'inquinamento atmosferico sugli ecosistemi sulle comunità (es., Indice di Biodiversità Lichenica).
•    Applicazioni in studi di valutazione di impatto ambientale in cui il biomonitoraggio lichenico è richiesto, ad esempio in relazione al funzionamento di centrali elettriche (anche geotermiche), inceneritori, discariche, cementifici, cave, raffinerie, inquinamento da traffico veicolare.
•    Valutazione e identificazione di specie e habitat oggetto di tutela ambientale.
•    Valutazione della biodiversità vegetale, della qualità degli habitat forestali e del funzionamento degli ecosistemi attraverso l'uso di bioindicatori.  

Attività

•    Realizzazione di indagini monitoraggio biologico mediante l'uso di biondicatori (licheni, muschi, piante vascolari) in relazione a inquinanti atmosferici gassosi ed elementi in traccia: progettazione, raccolta dati, analisi, elaborazione, stesura rapporti tecnici.
•    Realizzazione di indagini di monitoraggio della biodiversità vegetale: progettazione, raccolta dati, analisi, elaborazione, stesura rapporti tecnici.

EGIS SYSTEM srl
info@egis-system.it
P.Iva: 01354480525 - Iscr. Reg. Imprese di Siena: 01354480525

logo spinoff